Il salto oltre i limiti di Emmanuel Hansel

Quello dello sport è un mondo magico che può cambiare la vita di chiunque abbia lo spirito giusto per inseguire i propri sogni e li rende realizzabili anche quando sembrano impossibili. A dimostrarlo ci sono storie come quella del giovane Emmanuel Hansel che dalla Repubblica Dominicana è volato alla conquista degli Stati Uniti. Nonostante tutto…


di Giorgio Ambrogi

Emmanuel Hansel è un teenager, nato nella Repubblica Dominicana, che ha conquistato una borsa di studio per trasferirsi in Florida e studiare al Life Christian Academy di Kissimmee. Una high school privata che gli ha regalato la possibilità di avere un’istruzione di alto livello e, soprattutto, di inseguire il sogno di fare quello che più gli piace: giocare a basket. Una passione che il 17enne ha ereditato dal padre, Salvador Hansel, cestista che nel suo paese è conosciuto come Kikima.

Emmanuel sta sfruttando al meglio l’occasione che gli è stata data e sta dimostrando un grande talento. Tanto da richiamare l’attenzione dei media. Alto 1 e 93, infatti, il ragazzo sta facendo faville in campo con partite da doppia cifra sia come punti sia come rimbalzi. Niente di particolare, direte voi, il mondo è pieno di ragazzini che surclassano i propri coetanei per poi diventare ex giocatori con alle spalle un futuro brillante. Emmanuel, però, sta dimostrando una marcia in più dal momento che fa tutto… con un braccio solo. Sì, perché Kikimata, questo il suo soprannome in campo, usa solo il braccio destro. Il sinistro, infatti, gli è stato amputato all’età di sei anni, dopo che un muro gli è crollato addosso costringendo i medici all’amputazione. 

L’incidente, però, non lo ha fermato dal rincorrere il proprio sogno nonostante il padre fosse contrario. “All’inizio – ha raccontato qualche tempo fa – non volevo che giocasse per paura che subisse un colpo. Ma devo lasciarlo libero di provare a raggiungere i suoi obiettivi perché ci ha lavorato tanto”. Adesso, Salvador ha cambiato idea e segue con orgoglio quel figlio che sta diventando una vera e propria stella e del quale è possibile vedere le incredibili gesta nei numerosi video presenti sul web.

Emmanuel Hansel (17 anni) in azione durante una gara del campionato scolastico in Florida

Da parte sua, Emmanuel non ha mai avuto dubbi su quello che vuole fare. “Avevo già cominciato a giocare a basket e non ho pensato di dover smettere. Ho perso un braccio, ma questo non è un problema per la pallacanestro”, ha dichiarato il ragazzo che oltre a un grande talento sta dimostrando grande maturità. “Le difficoltà – ha proseguito – aiutano a crescere e a superare i propri limiti. Questo mi spinge a migliorarmi ogni giorno”. 

Il grande sogno, naturalmente, è diventare un professionista. Un obiettivo su cui nessuno scommetterebbe se non ci fosse di mezzo quella fantastica magia che solo lo sport può regalare. È anche per storie come queste che la gente si innamora dello sport e che noi tutti deciso di esprimere il nostro amore diventando Panathleti!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.