Assegnato a ‘Forza gentile’ il primo Premio Sandro Ciotti

Si è svolto, nel corso della cena natalizia tenutasi presso l’Hotel Melia, lo spoglio dei voti che hanno assegnato il primo Premio di Letteratura sportiva Sandro Ciotti istituito dal Panathlon Club Milano in collaborazione con COOP Lombardia.


Al termine dell’apertura delle buste sigillate dai 18 giurati nel corso della riunione del 25 novembre, il notaio ha decretato il successo finale ad Andriy Shevchenko che, in collaborazione con il giornalista Alessandro Alciato, ha scritto ‘Forza gentile’ la sua storia di bambino nato e cresciuto nell’Ucraina ancora sotto l’egemonia Sovietica e che ha conquistato l’Europa e il Mondo nel corso di un’avvincente carriera che lo ha visto diventare giocatore simbolo del Milan.

Con 52 voti il libro edito da Baldini+Castoldi ha preceduto di 6 lunghezze ‘Ma rimaniamo con i piedi per terra’, edito da Rizzoli e scritto da Andrea Masciaga. Un romanzo in cui l’autore, che per la cronaca gira con la figurina di Shevchenko nel portafogli, racconta la storia di una squadra di terza categoria che vive una stagione straordinaria con risultati mai raggiunti fino a quel momento.

A chiudere il podio, con 28 voti, è stato Ezio Luzzi che, sempre per Baldini+Castoldi, ha raccontato la sua lunga carriera in radio con il libro ‘Tutto il mio calcio minuto per minuto’. Un lungo racconto di quella che è stata la trasmissione che per decenni ha accompagnato tutti gli appassionati di calcio. Tempi in cui tutte le partite si giocavano alla domenica pomeriggio e i ragazzi passeggiavano per strada stringendo in una mano la fidanzata e nell’altra una radiolina in attesa di sentire il fatidico ‘Scusa Ameri…’


Il libro vincitore del Premio Ciotti 2021 di fianco al trofeo assegnato dal Panathlon Club Milano

Il riepilogo dei voti assegnati alla terzina finale

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.