Sinner vince il torneo Atp di Halle, Hurkacz battuto in finale

(Adnkronos) – Jannik Sinner vince il torneo Atp di Halle, in Germania. Il numero 1 del mondo batte in finale il polacco Hubert Hurkacz, testa di serie numero 5, per 7-6 (10-8), 7-6 (7-2) in 1h50′ conquistando il quarto titolo stagionale, il 14esimo della carriera e il primo sull’erba. In una giornata impreziosita dal trionfo di Andrea Vavassori e Simone Bolelli nella finale del doppio, Sinner – al primo successo da re del circuito – dimostra il proprio valore anche sul green: l’altoatesino si appoggia a 10 ace senza cedere mai il servizio e, contro uno dei bombardieri del circuito (Hurkacz chiude con 13 ace), diventa ingiocabile nei tie-break che decidono il match. 

 

Sinner parte con autorevolezza tenendo a zero il primo turno di servizio. Sull’1-1, l’azzurro si procura una palla break che non viene sfruttata. Hurkacz, d’altra parte, si conferma una macchina da ace: 3 nei primi 2 turni di battuta, il polacco parte sempre con un 15 di vantaggio. Anche Sinner si aggrappa al servizio: cancella una palla break e piazza addirittura 3 ace nel quarto game (2-2) di una finale che scivola via con scambi spesso ridotti all’osso. Il numero 1 del mondo tiene a zero ben 4 turni su 6 nel primo set che approda al tie-break. Sinner parte con un mini-break ma non riesce a conservare il vantaggio (da 5-2, a 5-5). L’azzurro si procura un set-point che Hurkacz cancella con un ace. Anche il polacco si vede annullare una palla per il primo set prima dell’allungo decisivo di Sinner: 3 punti di fila dal 7-8 al 10-8, il primo set è di Jannik. 

Il numero 1 del mondo apre il secondo parziale con il ‘solito’ game a zero. Hurkacz, invece, fatica. Annulla 2 palle break per l’1-1 e rimane in partita (3-3) faticando anche quando entra la potentissima prima. Verdetto, anche in questo caso, affidato al tie-break. E anche stavolta Sinner alza il livello al momento opportun, l’azzurro scappa fino al 5-1 e chiude 7-2: Jannik è il re di Halle.
 

Sorgente: Adnkronos

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *